I pro e i contro di un interfono pneumatico per moto

I pro e i contro di un interfono pneumatico per moto

Di piccole dimensione ma di grossa utilità. L’interfono per moto è un dispositivo capace di mettere in contatto il pilota con il passeggero. E non solo. In commercio ci sono prodotti, più avanzati tecnologicamente, che consentono al motociclista di comunicare con altri centauri. Con l’interfono è possibile anche ascoltare le indicazioni del navigatore satellitare in modo da non sbagliare percorso, telefonare, ricevere chiamate o ascoltare e condividere musica. Il tutto senza mai perdere di vista la cosa più importante: la strada su cui si viaggia.

Questo sistema di comunicazione è molto utile per evitare che chi si trova al volante di una moto possa distrarsi per cercare di parlare con il passeggero, alzando la voce o addirittura girandosi con il viso. Fondamentale anche l’opportunità di poter effettuare le telefonate in totale sicurezza. L’incolumità del pilota e del passeggero rappresenta sicuramente il leitmotiv. Sono tre i tipi di interfono presenti in vendita: quelli acustici, detti anche pneumatici; i prodotti che funzionano via cavo e quelli senza fili perché entrano in azione mediante Bluetooth. Un’altra tipologia di sistema di comunicazione è infine quella che funziona mediante conduzione ossea.

I punti di forza e di debolezza

L’interfono pneumatico per moto, noto pure come acustico, è il prodotto più semplice della “famiglia”. Questo apparecchio permette al pilota di una moto di poter comunicare solo con il suo passeggero. In questo caso, dunque, non è possibile contattare persone che viaggiano su un’altra moto e che siano anch’essi in possesso di un interfono.

Questi articoli sono privi di centraline e di batterie. Ma come avviene la trasmissione della voce tra pilota e passeggero? A permettere la comunicazione è un sistema di piccoli tubi che collega i due caschi. Tra i punti di forza c’è sicuramente la facilità d’uso; tutti possono utilizzarlo senza alcun tipo di problema. Inoltre l’interfono pneumatico per moto non va ricaricato. Tra i punti di debolezza c’è l’impossibilità di poter alzare o abbassare il volume e la necessità di dover collegare i due caschi per connettersi. Dunque ogni volta che si sale in sella moto o si scende, bisognerà sganciarli. Un po’ più complicata la comunicazione in autostrada: può capitare che il volume sia troppo basso e che dunque ci siano limiti nel chiacchierare. Se il mondo delle due ruote ti appartiene, non puoi fare a meno di visitare il sito www.interfonopermoto.it. Avrai l’opportunità di scoprire tutte le caratteristiche e le funzionalità dei prodotti in commercio.